Qualunque cosa può emozionare...anche una semplice tazzina di caffè

domenica 29 aprile 2012

Anelletti siciliani al forno

Questa ricetta  è uno dei piatti forti della domenica siciliana. Conosciutissima da chiunque e quindi per un attimo ho pensato che non ne valesse la pena inserirne quì la ricetta; ma io ho deciso di condividere con tutti voi ciò che può essere fonte di relax e quindi rientrano in questo mio "progetto" anche le cose più scontate...
Consideratela dunque come una pagina di diario dove ho voluto immortale un classico pranzo domenicale.
Tipica del palermitano ma diffusissima ovunque in Sicilia e credo un pò in tutta Italia. Rivisitazione della classica pasta al forno...da cui si differenzia principalmente per il formato della pasta utilizzata, gli anelletti, che tipicamente vengono usati per la pasta in brodo.
Vista l'ora di questo post ( sono appena le 10.30) non è un piatto preparato adesso ma ha spadroneggiato durante il pranzo della scorsa domenica ( così come in tante altre domeniche passate) ed è stato un vero successone come al solito.
La ricetta  l'ho estrapolata da un ricettario ed è scritta così come l'ho trovata; io l'ho eseguita esattamente così perchè corrispende alla ricetta classica (ci sono poi diverse varianti)  e la foto è mia e  ritrae una delle porzioni che erano sul mio tavolo domenica scorsa.
Con questa ricetta non si sbaglia mai perchè mette davvero d'accordo tutti.
Per la ricchezza degli ingredienti potrebbe benissimo essere considerato un piatto unico.

(Mentre io cucinavo Penny era incuriosita dalle fresie in balcone...e le odorava a tutto spiano cercando di capirci qualcosa...) 

Ingredienti per sei persone
(io ho usato dosi minori perchè noi, volendo considerare anche Penny, siamo molto... molto meno di sei...)

600 grammi d anelletti
500 grammi tritato di carne (possibilmente misto, vaccina-maiale)
1 cipolla
1 carota
2 coste di sedano
Un ciuffo di prezzemolo
2 chiodi di garofano
2 foglie di alloro
Una scatoletta di concentrato di pomodoro (250 grammi)
Parmigiano grattugiato
250 grammi piselli freschi al netto delle bucce (vanno bene anche i pisellini surgelati)
½ bicchiere di vino bianco
Sale e pepe q.b.

Per la besciamella (circa mezzo litro)
50 grammi di burro
50 grammi di farina
4-6 tazze di latte freddo
½ cucchiaino di sale
Una presa di pepe macinato al momento
Noce moscata grattugiata

Procedimento per la besciamella
Scaldare il burro in una tegame a calore moderato. Aggiungere la farina, fuori dal fuoco, e mescolare con un cucchiaio di legno cercando di non far formare grumi. Rimettere sul fuoco e seguitare a mescolare per circa un minuto, senza far colorire il miscuglio. Unire 4 dl di latte freddo e seguitare a mescolare finche la salsa non bollirà. Aggiungere il sale, il pepe e la noce moscata; cuocere a fuoco basso per altri dieci minuti circa, regolando la densità della salsa, aggiungendo tutto il latte rimasto o solo una parte (a seconda del bisogno, o una salsa fluida o densa). Far cuocere per altri venti minuti circa e la salsa è pronta.

Procedimento per gli anelletti al forno
Soffriggere in un tegame con l’olio, la cipolla, la carota, il sedano ed il prezzemolo tritati. Aggiungere il tritato di carne e farlo rosolare, a fuoco vivace, facendo attenzione a sgranarlo bene con un cucchiaio di legno, quindi sfumare con il vino bianco. Unire sale, pepe, foglie di alloro, chiodi di garofano e il concentrato di pomodoro sciolto in poca acqua tiepida e ultimare la cottura. Intanto cuocere i piselli (se usiamo quelli surgelati, li scongeliamo in acqua salata bollente con 1 foglia di alloro e un pizzico di zucchero), scolarli e unirli al ragù. Infine, amalgamare al ragù con i piselli la besciamella.
Cuocere gi anelletti al dente e, quando saranno pronti amalgamarli con il ragù (tenendone da parte un poco che servirà per ricoprire il timballo) e il parmigiano grattugiato.
Oliare una teglia e spolverarla con il pangrattato, adagiarvi gli anelletti già amalgamati con il ragù ed infine ricoprire con il ragù messo da parte. (Se volete inserire altri ingredienti, come ad esempio, fettine di primosale, uovo sodo affettato, salame o altro, versare nella teglia uno strato di pasta amalgamata col ragù, quindi fare uno strato di questi ingredienti e ricoprirli con il resto degli anelletti conditi. Ricoprire infine con il resto del ragù).
Spolverare con parmigiano grattugiato e fiocchetti di burro. Mettere in forno preriscaldato a 180° per circa trenta minuti. Il timballo sarà pronto quando la superficie sarà ben dorata.

27 commenti:

  1. Buonissimo, sarà il pranzo di domenica prossima! Grazie di questa meravigliosa ricetta e buona domenica. Ciao, Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella, fammi sapere allota e grazie per essere passata.

      Elimina
  2. Ciao, sulla mia home page c'è un regalo per te! (p.s.: mmm, che buoni che sembrano questi anelletti!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il regalo.Vado subito a ritirarlo. Buon fine settimana!!!

      Elimina
  3. Carissima,
    In tutta la mia vita ho capito una cosa.... Che non esistono nulla di scontato...
    I grandi piatti sono sempre una fonte di continua ricerca. La tua ricetta mi ha fatto venire voglia di prepararla per la prossima domenica...
    Adoro le fresie, e qui ad Anzio non si trovano molto spesso, volevo metterle nel mio giardino.
    La tua gattina é un amore..
    Un abbraccio.
    Thais

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Thais e poi a volte anche ciò che è scontato può essere utile a qualcuno. Penny ti manda un miagolio "innamorato" come lo chiamo io. A presto e buon fine settimana!!!

      Elimina
  4. E' sempre una delizia passare dal tuo blog, è sempre una lustratina di occhi e di........palato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carla,
      anche se non commento passo anch'io spesso da te.
      Faccio capolino tra poco. Un abbraccio!!!

      Elimina
  5. E' il formato di pasta che preferisco per la pasta a forno, saporita sopratutto il giorno successivo.
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione,
      ci sono dei piatti che il giorno dopo acquistano in squisitezza. Ecco perchè da me alcune porzioni abbondano; perchè vale la pena canservarli!!!
      Grazie per essere passato e a presto!!!

      Elimina
  6. Questo è un post che fa bene alla vista, all'umore e che farà soprattutto bene al...palato! E sì carissima , perchè questa tua ricetta ho intenzione di sperimentarla al più presto. Grazie cara, un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sontyna,
      un abbraccio affettuosissimo.!!

      Elimina
  7. ciao Cara
    Passa da me, ho un premio per te!!!
    Thais
    Cucina Mon Amour

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Thais,
      L'ho appena ritirato. Grazie per la tua stima che ricambio di cuore. A presto!!!

      Elimina
  8. Ciao, dovresti passare anche da me, anch'io ho un premio. Ciao, Antonella

    RispondiElimina
  9. WOW... questo mi riepnsi ancora piu di voglia di conoscere la Sicilia. Complimenti carissima! A presto... passa a trovarmi se ti va!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne varrò la pena se verrai Diana. Passo da te!!!

      Elimina
  10. ma che buoni.... sto iniziando ad avere fame, e non è ancora orario...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero buonissima. Ciao April e grazie per essere passata!!!

      Elimina
  11. Ciao sono contenta di seguirti..dalla liguria alla sicilia in un clic... :-) buonagiornata!!!

    RispondiElimina
  12. concordo e sottoscrivo tutto cio' che hai detto della bellissima Audrey..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,
      ti seguo anch'io. Mi piace il tuo blog. Vengo a trovarti presto. Buon fine settimana!!!

      Elimina
  13. Amo tanto la Sicilia da venirci ogni anno.Qest'anno verrò la prima settimana di giugno.Non ho parenti o quant'altro e che mi sento il più siciliano dei lombardi ciao alfredo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello Alfredo,
      sei un italiano doc...senza alcun confine. Grazie per apprezzare la mia terra. A presto!!!

      Elimina
  14. ADORO LA SICILIA , LA SUA CUCINA,I PROFUMI ,IL MARE E LA GENTE FANTASTICA...HO PASSATO DELLE VACANZE MERAVIGLIOSE GIROVAGANDO PER QUESTA INCREDIBILE TERRA...MANGIANDO... MANGIANDO...E MANGIANDO.

    RispondiElimina
  15. Benvenuta quì Tiziana. Bello sapere che hai apprezzato molto la Sicilia. Al di là delle problematiche che esistono, purtroppo, un pò ovunque e davvero una terra meravigliosa. Come tutte le regioni d'Italia del resto!!!
    A presto...

    RispondiElimina
  16. Questi anelli saranno una vera bontà. Se passo dalla tua terra vorrò assaggiarli !!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...